I 5 elementi della salute, parte seconda

Qualche giorno fa abbiamo affrontato in un articolo il tema del cambio di stagione e di ciò che dovremmo fare per rafforzare il sistema immunitario in maniera naturale.

A come Aria e B come Bere Acqua erano i primi due elementi su cui far leva per migliorare quotidianamente la nostra salute, oggi Naturalino vi presenta il terzo grande alleato contro ogni attacco esterno!

“Mangiare è una necessità.
Mangiare intelligentemente è un’arte.
(F. de La Rochefoucauld)”

3. C come Cibo, un concetto su cui dobbiamo abituarci a riflettere seriamente: una cosa infatti è sfamarsi, un’altra è nutrirsi.

Andando in ordine di priorità per la sopravvivenza, dopo la respirazione – che è il primissimo atto che compiamo alla nascita, e l’acqua – che è il secondo fondamento della nostra vita, non ci resta che trovare il modo di mettere “benzina” all’organismo.

L’organismo può andare avanti tranquillamente anche a pane e acqua, così come a fast food 4 volte al giorno; è chiaro poi che i risultati in termini di salute saranno differenti.
Non è questa la sede per approfondire il tema dell’alimentazione e della giusta dieta, ma è importante condividere un messaggio: siamo quello che mangiamo.

Ogni fase della vita e ogni età è caratterizzata da una diversa alimentazione. Da bambini, adolescenti, giovani, adulti e anziani dobbiamo essere in grado di scegliere cosa mangiare, analizzare ciò che il nostro corpo accetta, rifiuta, assorbe bene o male e rispondere alle sue esigenze senza forzature. È esattamente il concetto di “rispondere al corpo” che dovremmo interiorizzare.

Anche nell’alimentazione, come in tante altre cose, la via più giusta è quella naturale che di solito corrisponde a ciò che il corpo e la mente tollerano senza rigetto.

Essere in grado di equilibrare il giusto apporto di carboidrati, zuccheri, grassi, proteine, fibre e vitamine è qualcosa che si impara con gli anni o che impariamo grazie all’aiuto di nutrizionisti. Ciò che è veramente importante sottolineare qui è la consapevolezza che si deve essere curiosi e attenti, non accontentarsi della prima cosa che capita nello scaffale al supermercato, ma selezionare materie prime biologiche, prodotti di qualità, fare attenzione alla stagione in cui ci si trova, documentarsi, chiedere consigli e sì, concedersi pure ogni tanto lo strappo alla regola e la gioia di un cheesburger con patatine fritte, ma lucidi del fatto che quella non è la normalità.

Mangiare-sanoVolersi bene vuol dire fare la spesa con calma, guardare gli ingredienti dei prodotti confezionati, optare per piccoli negozietti dove magari arrivano materie prime direttamente da contadini o allevatori, piuttosto che mega-iper-supermercati.

Amare la propria salute significa dedicare una giornata a preparare un ragù con carne buona, marmellate fatte in casa, pane caldo (va bene anche fatto con l’impastatrice!), biscotti e meringhe per i bambini e così via… Il web è strapieno di blog e siti dove reperire ricette naturali e consigli, per evitare il più possibile di acquistare prodotti straripanti di conservanti ed ingredienti nocivi, dobbiamo solo dedicargli il giusto tempo e non trovare le solite scuse…

“Chi non bada a ciò che mangia difficilmente baderà a qualsiasi altra cosa.” (S. Johnson)

Anche chi ha una vita frenetica e non può facilmente stare in cucinare tra manicaretti, può comunque fare attenzione quando sceglie il bar o la tavola calda in cui trascorrere la pausa pranzo e può, senza il minimo sforzo, farsi un elenco della frutta e della verdura che si coltiva in stagione, così almeno da aumentare la propria conoscenza a riguardo e ridurre al minimo il rischio di mangiare una fragola di 4 chili in pieno inverno, pensando sia normale!

L’argomento “cibo” può essere davvero vasto e a meno che non vogliamo farne una professione, possiamo accontentarci delle cose basilari: si può intanto partire dallo studio della famosa piramide alimentare per capire le giuste quantità da ingerire, fino ad entrare un po’ più nel dettaglio degli alimenti che consumiamo di solito, capirne le proprietà e la provenienza, come utilizzarli al meglio in cucina e per cosa sono più indicati, equilibrarli anche in base a diete vegetariane o vegane.

Piramide alimentare

Piramide alimentare

Già fare questo è un grande passo in avanti, ci allontaniamo da quelle insane abitudini del lasciarsi trascinare inermi dai pasti, invece di decidere noi cosa mettere nel piatto e ci creiamo una conoscenza non solo del cibo che ci fa bene, ma anche dei luoghi in cui ci troviamo e della loro cultura gastronomica!

Chi conosce può scegliere… chi non conosce, dipende.

Continua…

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...