La strega di Biancaneve faceva prima ad andare al supermercato.

Il mio blog è nato per la voglia di condividere consigli e abitudini che sperimento in prima persona e dei quali penso possano essere d’aiuto a chi vuole migliorare il proprio stile di vita. Non ho mai scritto articoli di denuncia diretti a prodotti o modus vivendi che non condivido, perché penso che ognuno sia libero di mangiare, bere, vivere e morire come vuole. Tutto sommato dopo il mio incontro ravvicinato con un frutto probabilmente modificato, snaturato ma facilmente alla portata delle nostre tavole, credo che certe informazioni vadano per forza condivise per il bene comune.

Questo quindi sarà un articolo diverso dagli altri, sicuramente lungo da leggere, ma necessario da scrivere.

Storia triste di una mela immortale.

Cari lettori e lettrici di Naturalino, avete presente quante varietà di mele esistono sul mercato?
Beh sappiate che da oggi ce n’è una nuova: “la mela immortale”!

Era una calda mattinata di settembre (4 mesi fa) quando una mela bellissima dal colore rosato giunse in casa portata in dono. Accolta con un po’ di indifferenza insieme ad altra frutta, ella andò timidamente rotolando nell’angolo più remoto della dispensa, lucida e silenziosa nella speranza di non esser troppo notata.

Portava fiera sul petto un bollino bianco e verde, a garanzia dell’alta qualità biologica di una delle più famose catene della grande distribuzione italiana, sinonimo quindi di affidabilità.

mela immortale

Passarono i giorni, che diventarono mesi ed ella nel suo fresco angolino attese.

Arrivò l’inverno e tra un cambio e l’altro nella dispensa ci accorgemmo di quel nascondiglio… la rosea mela così come era arrivata, era rimasta. Lucida e brillante, non un ombra di vecchiaia sfiorava la sua pelle, un buchino, una macchia, il cedere all’età… nulla.

Incuriosita da questo apparir perfetto, ho diviso la mela in due immaginando fosse marcia dentro (dopo 4 mesi!) ma la sua polpa era candida e fresca, il profumo buono e i semi intatti.

Sgomento.

Lascio le due metà sul tavolo ed esco. Al rientro, dopo circa 4 ore, era tutto come avevo lasciato… nessun accenno di annerimento per via dell’ossidazione che normalmente accade, nessun cedimento.

mela

La mela di Biancaneve probabilmente sarebbe stata più sana di quella che avevo io davanti agli occhi.

La triste storia di una mela che viene spacciata per biologica, sicura e di qualità finisce lì, nella pattumiera.

La mia riflessione è che se vogliamo davvero dare un senso a ciò che mangiamo, facciamo uno sforzo in più e torniamo a fare la spesa dai piccoli fruttivendoli, che spesso hanno anche prodotti propri.

Se un frutto non è di stagione non compriamolo.

Se siamo costretti dagli impegni a fare la spesa della settimana in un giorno solo, troviamoci quei 2-3 punti sicuri dove sappiamo di poter acquistare davvero cose buone, invece di riempire il carrello in un super-iper-mercato di mele finte.

frutta-di-plastica-13202674-1

Affidarsi alle belle parole di spot che millantano qualità e responsabilità serve solo a spegnere la nostra capacità decisionale. Non farò il nome dell’azienda solamente perché questo credo sia una costante comune a tutto il mondo della GDO. La stessa mela che è arrivata a me è venduta in tutti gli altri supermercati, cambia solo il bollino che porta il nome della catena.

apples-in-the-supermarket

Sicuramente i prodotti chimici con cui queste mele sono trattate rispettano le normative europee, ma non sappiamo quanto siano davvero innocui per la salute… quindi se posso scegliere, evito! A tal proposito ecco un interessante articolo dell’Esperesso a riguardo.

In compenso, motivata da questa brutta esperienza, sotto consiglio di un’amica ho trovato un piccolo fruttivendolo autonomo a pochi km da casa. Da lui ho acquistato delle mele buonissime di produzione propria che non solo hanno un sapore intenso… ma marciscono pure se lasciate troppi giorni incustodite!

Buona riflessione a tutti.

Annunci

7 pensieri su “La strega di Biancaneve faceva prima ad andare al supermercato.

  1. Bello questo articolo! Hai ragione, io compro la frutta e la verdura a km zero da una persona di fiducia che sarà protagonista di uno dei nostri prossimi reportage. I suoi prodotti, benché appena raccolti, si deteriorano molto velocemente. Ad esempio le carote diventano molli tanto da non poterle pelare facilmente. Quelle del supermercato invece rimangono turgide per settimane e non hanno mai alcun sapore. Tutti i prodotti del supermercato sono insapori…hai fatto bene a buttare quella mela immortale. Laura

    Liked by 1 persona

    • Grazie! È assurdo quando purtroppo molte persone si lascino abbindolare dalla bellezza estetica di queste frutta e verdura della grande distribuzione… in fondo non ci vuole molto più tempo a cercare qualcosa di meno commerciale… grazie del commento!

      Liked by 1 persona

  2. Ciao Naturalino, lascio anch’io il mio commento…articolo molto bello e che fa riflettere! Io ho la fortuna di avere un orto e il confronto tra prodotti biologici “veri” e quelli “taroccati” è spesso sotto i miei occhi ma purtroppo alcuni prodotti è impossibile procurarseli da un produttore di fiducia e spesso ci affidiamo in buona fede al supermercato pensando “chissà, speriamo bene”! Giusto ieri ho comprato le mele e le ho messe in un cesto assieme alle mie che saranno non più grandi di un’albicocca, e già lì noti la differenza..farò la prova del taglio a metà che hai fatto tu e ti saprò dire!
    ciao Samantha

    Liked by 1 persona

    • Ciao! Grazie del tuo contributo ai commenti 😊 oggi l’unica soluzione è autoprodurre nei limiti del possibile e delle proprie possibilità… già un piccolo orto e qualche albero da frutto possono fare la differenza, per chi vive in città è più difficile ma basta organizzarsi e trovare fornitori di fiducia, ma mi rendo conto che la vita frenetica non aiuta… fammi sapere delle mele! 😊 a presto!

      Liked by 1 persona

  3. Mi fa piacere leggere questo articolo perchè l’esperienza della mela immortale è capitata anche a casa mia! L’ho tenuta lì in osservazione per moooolto molto tempo e niente, sempre perfetta. Che paura!

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...